Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata


PIANO CASA: MODIFICATE LE LEGGI REGIONALI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

PIANO CASA: MODIFICATE LE LEGGI REGIONALI

Messaggio  Avv. Cristina Zorzi il Mar Set 06, 2011 3:12 pm

Oltre a Campania, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana ed Umbria, altre unidici regioni hanno apportato modifiche al Piano Casa (L.24/2009), tra le quali il Veneto.
Ma vediamo cosa cambia:
- La proroga del termine per la presentazione delle domande fino al 30 novembre 2013;
- La possibilità di usufruire per gli ampliamenti relativi agli edifici residenziali di un ulteriore 15% in caso di contestuale intervento di riqualificazione dell’intero edificio che ne porti la prestazione energetica alla classe ”B”;
- L’ammissibilità degli interventi di ampliamento e di demolizione e ricostruzione anche nei centri storici su edifici che risultino privi di grado di protezione. I Comuni entro il 30 novembre 2011 possono deliberare se e con quali modalità consentire detti interventi. Decorso tale termine gli interventi sono realizzabili in tutto il centro storico limitatamente alla prima casa di abitazione;
- La possibilità di eseguire interventi anche parziali di demolizione e ricostruzione degli edifici (prima solo integrali);
- L’ammissibilità del mutamento di destinazione d’uso purché la stessa sia consentita dalla disciplina di zona. In caso di edifici situati in zona impropria la destinazione d’uso può essere modificata limitatamente al volume che sarebbe realizzabile ai sensi della specifica disciplina di zona incrementato dalla percentuale di ampliamento
- La possibilità per i Comuni di deliberare entro il 30 novembre 2011 se e con quali limiti applicare la normativa con riferimento solo a specifiche categorie edilizie (prima era generale) ossia: edifici residenziali non destinati a prima casa; strutture ricettive; edifici produttivi; edifici commerciali-direzionali. Decorso il suddetto termine la normativa trova integrale applicazione
- La possibilità di non versare il contributo di costruzione per gli edifici destinati a prima abitazione del proprietario o avente titolo; riduzione nella misura del 50% per gli edifici adibiti ad uso diverso.
avatar
Avv. Cristina Zorzi
Admin

Messaggi : 156
Data d'iscrizione : 08.04.09

Vedi il profilo dell'utente http://notaiozorzi.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum