Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata


2012: NEL NOSTRO TERRITORIO, DIMINUITA L'EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI OLTRE IL 50%

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

2012: NEL NOSTRO TERRITORIO, DIMINUITA L'EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI OLTRE IL 50%

Messaggio  Avv. Cristina Zorzi il Ven Ago 17, 2012 10:47 am

La crisi ha congelato i prestiti.
A livello nazionale, dal 2008 al 2011 il numero dei finanziamenti si è ridotto mediamente del 9,1% ogni anno, a fronte di un aumento medio dell'8,5% avvenuto nel triennio precedente.
Anche l'importo complessivo delle nuove erogazioni ha avuto un andamento analogo, sebbene abbia registrato un ritmo di crescita più elevato negli anni di espansione, grazie anche all'andamento crescente delle quotazioni immobiliari.
Il calo è stato determinato sia da fattori di domanda che d'offerta. I primi sono legati soprattutto alla debolezza del mercato immobiliare e alla fase negativa del ciclo economico, caratterizzata dall'aumento del tasso di disoccupazione e dalla riduzione dei redditi delle famiglie. Al tempo stesso le condizioni di offerta da parte degli intermediari hanno registrato un irrigidimento, connesso al peggioramento delle condizioni di accesso alle fonti di finanziamento e all'inasprimento dei vincoli di bilancio, oltre che al deterioramento della qualità dei prestiti. L'irrigidimento dell'offerta ha inciso in misura minore sui mutuatari con redditi elevati, come emerge dall'andamento delle erogazioni di mutui di ammontare elevato, di importo superiore a 150.000,00 Euro, aumentati del 2%.

La frenata dei prestiti per l'acquisto dell'abitazione ha colpito soprattutto i giovani e gli extracomunitari.
Nel quadriennio 2008-2011 il numero totale di contratti stipulati dagli individui con meno di 35 anni, che hanno quindi risentito in misura maggiore del peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro e dell'adozione di politiche di affidamento più selettive da parte delle banche nei confronti della clientela caratterizzata da una più elevata rischiosità, è diminuito di oltre il 30% rispetto al quadriennio 2004-2007.
Altra categoria particolarmente colpita è rappresentata da mutuatari originari di Paesi non appartenenti all'Unione europea. Nel periodo 2004-2007 i clienti originari di Paesi extracomunitari rappresentavano l'8,2% del totale dei mutui erogati; negli anni 2008-2011 la quota è scesa al 4,5%, nonostante un progressivo aumento della fetta di popolazione extracomunitaria sul totale dei residenti in Italia.

A livello locale.
Ma non basta, nel nostro territorio, benché sino ad ora il quadriennio 2008-2011 sia stato utilizzato come mezzo di paragone "negativo", per la prima prima metà dell'anno, proprio rispetto al medesimi periodi del quadriennio 2008-2011, si registra una diminuzione dei finanziamenti bancari del 58%.
avatar
Avv. Cristina Zorzi
Admin

Messaggi : 156
Data d'iscrizione : 08.04.09

Vedi il profilo dell'utente http://notaiozorzi.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum